Percorso della meraviglia e dello stupore
Vai al calendario

Foto Daniela Alessi

Se non sei in grado di provare né stupore né sorpresa sei per così dire morto, i tuoi occhi sono spenti
– Albert Einstein

Riuscire a mantenere, nel corso della vita, la capacità di provare meraviglia e stupore nella quotidianità, trovare il tempo per dedicarsi ad attività piacevoli, stimolanti e appaganti e per coltivare e arricchire le proprie relazioni sociali, ha effetti positivi sul benessere mentale1.

Tutto ciò infatti favorisce la conservazione di funzionalità cognitive come la memoria, la capacità di ragionamento e l’attenzione che, a causa dei naturali processi di invecchiamento, possono deteriorarsi nel tempo e inoltre contribuisce a prevenire ulteriori stati di malessere come depressione e stress1.

La progressione dei deficit cognitivi può dare luogo a importanti patologie croniche, caratterizzate da vario grado di disabilità, tra cui la patologia di Alzheimer e altre forme di demenza (che attualmente colpiscono circa il 6% della popolazione italiana oltre i 65 anni)2.

Numerose evidenze scientifiche individuano alcuni fattori di rischio modificabili  associati in particolare all’insorgenza della malattia di Alzheimer, quali: diabete, ipertensione, obesità, fumo, depressione e inattività fisica3. Diversi lavori hanno inoltre evidenziato che uno stile di vita caratterizzato dal coinvolgimento in attività ricreative di natura intellettuale e sociale è associato a un rallentamento del declino cognitivo nelle persone anziane, prevenendo gli effetti di un “disuso” del potenziale della mente1, 4.

Alcune attività hanno dimostrato una particolare efficacia nel contrastare il decadimento cognitivo:

  • socializzazione
    Gruppi di socializzazione o supporto possono produrre dei benefici psicologici sia in persone sane sia nelle persone già affette da demenza, riducendo la depressione e migliorando la qualità della vita e l’autostima5
  • allenamento cognitivo
    L’allenamento cognitivo può essere efficace nel miglioramento delle funzioni cognitive e dello stato funzionale degli anziani con e senza disabilità cognitiva6
  • approccio all’arte
    Attività basate sull’arte hanno mostrato degli effetti positivi sui processi cognitivi degli anziani, in particolare sull’attenzione, la stimolazione della memoria, e il miglioramento della comunicazione7
  • meditazione e arti marziali
    Pratiche meditative hanno fornito alcuni riscontri relativi al mantenimento delle capacità cognitive e della memoria8, oltre alla gestione dei sintomi depressivi e dello stress9. Inoltre alcune arti marziali, quali il Tai Chi, si sono mostrate promettenti nel mantenimento delle funzioni cognitive negli anziani senza disabilità10

Dalla teoria alla pratica: cosa puoi fare tu

  • Essere curioso e partecipe nelle attività quotidiane, familiari e non11, 12
  • leggere libri, ma anche quotidiani o riviste, risolvere parole crociate o comporre puzzles12, scrivere, disegnare o colorare
  • trovare un hobby piacevole (carte, scacchi, giardinaggio, ballo)12
  • frequentare un corso per apprendere qualcosa di nuovo (imparare una lingua straniera, suonare uno strumento musicale, utilizzare il computer)12
  • partecipare a eventi (conferenze, mostre, cerimonie)12
  • organizzare gite o viaggi12
Caricamento di Eventi in corso...
In calendario

Eventi - Aprile 2020 › Meraviglia e stupore

Eventi Ricerca e viste Navigazione

Evento Viste Navigazione

Calendario di Eventi

Calendario di Eventi
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
30
31

Le residenze Sabaude in Piemonte

“Hatha Yoga”

Attivi e consapevoli con le APP

1

Attivi e consapevoli con le APP

2

Attivi e consapevoli con le APP

‘Ditegli sempre di sì” di Eduardo De Filippo

Corso di Mindfulness

3

Corso di Mindfulness

“Hatha Yoga”

4

I vetri del Leone

5
6
7

“Hatha Yoga”

Le Cattedrali

“Hatha Yoga”

8
9

Corso di Mindfulness

“Hatha Yoga”

10

Corso di Mindfulness

“Hatha Yoga”

11

Apertura Centro Visite Emysfero in occasione della giornata mondiale delle Tartarughe

12
13
14

“Hatha Yoga”

E’ possibile gestire le nostre emozioni?

“Hatha Yoga”

15

Attivi e consapevoli con le APP

16

Attivi e consapevoli con le APP

Corso di Mindfulness

“Hatha Yoga”

17

Corso di Mindfulness

“Hatha Yoga”

18
19

Officine Museo Leone: il bastone del pellegrino

20
21

“Hatha Yoga”

Attivi e consapevoli con le APP

“Hatha Yoga”

22

Attivi e consapevoli con le APP

23

Attivi e consapevoli con le APP

La Sindone nella Storia

Corso di Mindfulness

24

Corso di Mindfulness

“Hatha Yoga”

25
26

Passeggiata Eco-Letteraria in compagnia dello scrittore Alessandro Barbaglia

27
28

“Hatha Yoga”

Attivi e consapevoli con le APP

“Hatha Yoga”

29

Attivi e consapevoli con le APP

30

Attivi e consapevoli con le APP

Corso di Mindfulness

“Hatha Yoga”

1

Corso di Mindfulness

“Hatha Yoga”

2
3
+ Esporta eventi

Fonti bibliografiche

  1. Fratiglioni L, Paillard-Borg S, Winblad B., An active and socially integrated lifestyle in late life might protect against dementia , Lancet Neurol , 2004; 3(6):343-353. doi:10.1016/S1474-4422(04)00767-7
  2. Bruti G, Cavallucci E, Mancini M, Bitossi A, Baldereschi M, Sorbi S., A systematic review of the quality of studies on dementia prevalence in Italy , BMC Health Serv Res , 2016; 16(1):1-11. doi:10.1186/s12913-016-1741-7
  3. Norton S, Matthews FE, Barnes DE, Yaffe K, Brayne C., Potential for primary prevention of Alzheimer’s disease: An analysis of population-based data , Lancet Neurol , 2014; 13(8):788-794. doi:10.1016/S1474-4422(14)70136-X
  4. Cheng ST., Cognitive Reserve and the Prevention of Dementia: the Role of Physical and Cognitive Activities , Curr Psychiatry Rep. , 2016; 18(9). doi:10.1007/s11920-016-0721-2
  5. Leung P, Orrell M, Orgeta V., Social support group interventions in people with dementia and mild cognitive impairment: a systematic review of the literature , Int J Geriatr Psychiatry , 2015; 30(1):1-9. doi:10.1002/gps.4166
  6. Law LLF, Barnett F, Yau MK, Gray MA., Effects of combined cognitive and exercise interventions on cognition in older adults with and without cognitive impairment: A systematic review , Ageing Res Rev. , 2014; 15(1):61-75. doi:10.1016/j.arr.2014.02.008
  7. Young R, Camic PM, Tischler V., The impact of community-based arts and health interventions on cognition in people with dementia: a systematic literature review , Aging Ment Health , 2016; 20(4):337-351. doi:10.1080/13607863.2015.1011080
  8. Newberg AB, Serruya M, Wintering N, Moss AS, Reibel D, Monti DA, Meditation and neurodegenerative diseases , Ann N Y Acad Sci , 2014; 1307(1):112-123. doi:10.1111/nyas.12187
  9. Larouche E, Hudon C, Goulet S, Potential benefits of mindfulness-based interventions in mild cognitive impairment and Alzheimer’s disease: An interdisciplinary perspective , Behav Brain Res. , 2015; 276:199-212. doi:10.1016/j.bbr.2014.05.058
  10. Wayne PM, Walsh JN, Taylor-Piliae RE, et al., Effect of tai chi on cognitive performance in older adults: Systematic review and meta-analysis , J Am Geriatr Soc. , 2014; 62(1):25-39. doi:10.1111/jgs.12611
  11. Kelly ME, Duff H, Kelly S, et al., The impact of social activities, social networks, social support and social relationships on the cognitive functioning of healthy older adults: a systematic review , Syst Rev. , 2017; 6(1):259. doi:10.1186/s13643-017-0632-2
  12. Różyk-Myrta A., Guidelines for Prevention and Treatment of Cognitive Impairment in the Elderly , Med Sci Monit. , 2015; 21:585-597. doi:10.12659/MSM.892542